Ripercorrere la storia della Scuola di Musica “Giacomo Moro” di Viadana non è cosa semplice, tantissimi sono i ricordi che tornano alla mente da quel lontano giugno 2002 quando un gruppo composto da musicisti, insegnanti e genitori si costituiva in un’associazione denominata Ars Musica che ancora oggi è alla guida della Scuola.

Varie vicissitudini ma anche evoluzioni naturali e cambiamenti inevitabili hanno portato all’avvicendamento delle persone che nel corso degli anni hanno diretto, guidato e portato avanti la Scuola con competenza, entusiasmo e professionalità.

I vari direttivi che si sono alternati alla conduzione della Scuola hanno lasciato la propria inconfondibile impronta, riuscendo a mantenere sempre e comunque standard elevati dei corsi offerti e di conseguenza numeri sempre costati di allievi.

La persona da cui tutto ha avuto inizio, il vero promotore di questa Scuola, è stato il Professore Gabriele Oselini, all’epoca neo Assessore alle Attività Culturali del comune di Viadana; appellandosi a un decreto che consentiva alle amministrazioni locali di affidare servizi culturali ad associazioni appositamente costituite, aveva chiesto agli insegnanti e agli amministratori della preesistente Scuola delle Arti di formare la nuova Associazione che insieme al Coro Civico “Marino Boni” e al Corpo Bandistico “Ludovico Grossi”, avrebbe accorpato le tre importanti realtà musicali viadanesi. Queste, pur mantenendo la propria individualità, avrebbero dovuto collaborare per fare di Viadana una vera e propria “cittadella della Musica”.

I sogni però non sempre sono realizzabili.

Ci abbiamo provato e davvero creduto all’inizio, ma poi i problemi di spazi, di gestione e anche la crisi economica successiva non hanno permesso di continuare insieme il cammino.

I vari direttivi presieduti fino al 2016 da donne davvero in gamba quali Monica Taffurelli, Elisabetta Colombo (alla guida per due mandati) e Monica Cacciani, non hanno avuto un lavoro facile ma con intelligenza, abilità e lungimiranza sono riusciti a superare problemi e ostacoli che regolarmente si sono presentati.

Tutti i componenti dei vari direttivi meritano davvero un ringraziamento speciale per essersi spesi in questi anni gratuitamente e senza grandi clamori, supportando gli insegnati nell’allestimento dei saggi, dei Tè Concerto e in tutte le iniziative che hanno visto la partecipazione dei nostri allievi.

A vegliare su tutti, Paola Sereni, la segretaria storica, generosissima e infaticabile, nonché una dei soci fondatori della Scuola. La sua dedizione e l’attenzione ai sempre più numerosi ragazzi e adulti che via via si sono avvicinati alla nostra realtà, grazie all’entusiasmo di un team di docenti validi e appassionati al loro lavoro, l’hanno resa per anni una colonna portante della Scuola.

Ricordiamo con piacere i vari direttori che si sono avvicendati; il primo, che ha avuto l’arduo compito di avviare la Scuola, il Maestro Marino Cavalca (2003-2006) pianista e direttore anche del Coro Civico, successivamente (2007) il Maestro Giovanni Battista Columbro, musicologo, esperto di musica barocca e curatore del “Festival Lodoviciano”, colui che aveva suggerito al momento della costituzione il nome di Giacomo Moro a cui intitolare la Scuola. La direzione è passata poi al percussionista e clarinettista Maestro Lucio Caliendo ideatore della “Little Band” formata da ragazzi delle medie e superiori e portato avanti poi con grande capacità da M° Maria Rosa Turrina, clarinettista e collaboratrice del Corpo Bandistico.

La grande bravura di questi musicisti ha garantito il successo della Scuola fin dal primo anno di attività.

Come in tutte le grandi famiglie non sono mancate le discussioni infinite, i confronti spesso accesi, ma ciò non ha mai fatto perdere di vista l’unico obiettivo a cui tutti tenevamo; quello di mantenere vivo qualcosa di bello e importante che era stato creato con pochi mezzi e grande impegno.

Dal 2016, secondo la nuova normativa, la Scuola di Musica non è più Scuola Comunale.

L’Associazione Ars Musica partecipa regolarmente al bando del Comune per l’affidamento del servizio di gestione della Scuola.

La nostra Scuola è convenzionata con il conservatorio “L. Campiani” di Mantova.

Diversi docenti ci hanno lasciato ma altrettanti sono entrati a far parte della nostra Scuola; qualcuno invece condivide con noi l’avventura fin dall’inizio e insegna tutt’ora. Inoltre, possiamo vantare la presenza di una socia fondatrice che ancora tiene dei corsi con entusiasmo.

La direzione è attualmente affidata ad un altro ottimo musicista, il chitarrista Maestro Cristiano Maramotti.

La Scuola in questi anni si è arricchita di nuovi corsi esprimendo un’attenzione particolare ai gruppi e alla Musica d’Insieme.

La Little Band non esiste più, tuttavia si è costituita l’Orchestra Giovanile Giacomo Moro composta dagli allievi che hanno già raggiunto un buon livello di preparazione, indispensabile per suonare insieme.

Nel 2017, dopo anni di “governo” femminile, la presidenza è passata a Bruno Cafarra. Marco Boroni Grazioli, Enea Zaffanella, Davide Pezzali e Susanna Rosani sono i restanti componenti dell’attuale direttivo.

Una nuova segretaria, Paola Sanguanini, si occupa della segreteria con dedizione e professionalità.

A loro spetta il gravoso compito di perseguire gli scopi dell’associazione, con tutta la fatica e l’impegno che questo comporta.

“Fare musica” rappresenta per tanti ragazzi una grande opportunità di crescita personale e sociale, è ancora possibile educare con la musica e attraverso la musica.